Advanced

Come tradurre dialettalismi? Analisi della traduzione svedese del romanzo La forma dell'acqua di Andrea Camilleri

Axelsson, Emelie LU (2012) ITAK01 20122
Italian Studies
Abstract (Italian)
Questo lavoro intraprende un'analisi della traduzione svedese del romanzo ‘La forma dell'acqua’ di Andrea Camilleri per individuare come si possa tradurre, in svedese, l’italiano letterario influenzato dal siciliano. Lo scopo della tesi è quello di identificare gli elementi dialettali e studiare quali scelte la traduttrice abbia operato per conservare e trasmettere al lettore i significati, le sfumature e le connotazioni dell'opera originale.
Il lavoro di analisi fa riferimento al modello critico linguistico-pragmatico di Rune Ingo. Si focalizza sui tre aspetti più essenziali per il lavoro: la variazione linguistica, la semantica e la pragmatica.
Sono studiati il romanzo ‘La forma dell'acqua’ di Andrea Camilleri e la traduzione della... (More)
Questo lavoro intraprende un'analisi della traduzione svedese del romanzo ‘La forma dell'acqua’ di Andrea Camilleri per individuare come si possa tradurre, in svedese, l’italiano letterario influenzato dal siciliano. Lo scopo della tesi è quello di identificare gli elementi dialettali e studiare quali scelte la traduttrice abbia operato per conservare e trasmettere al lettore i significati, le sfumature e le connotazioni dell'opera originale.
Il lavoro di analisi fa riferimento al modello critico linguistico-pragmatico di Rune Ingo. Si focalizza sui tre aspetti più essenziali per il lavoro: la variazione linguistica, la semantica e la pragmatica.
Sono studiati il romanzo ‘La forma dell'acqua’ di Andrea Camilleri e la traduzione della stessa opera, ‘Vattnets form’, tradotta da Barbro Andersson.
Risulta che i dialettalismi nella maggioranza dei casi sono tradotti senza distinzione tra dialetto e italiano standard, e di conseguenza il lettore svedese non può cogliere certe connotazioni del testo originale. La perdita si manifesta soprattutto nel testo narrativo. Nei dialoghi un linguaggio parlato è usato per compensare per la mancanza di equivalenti formali. (Less)
Please use this url to cite or link to this publication:
author
Axelsson, Emelie LU
supervisor
organization
course
ITAK01 20122
year
type
M2 - Bachelor Degree
subject
keywords
Dialetto siciliano, equivalenza, variazione linguistica, semantica, pragmatica
language
Italian
id
3158884
date added to LUP
2013-01-31 14:13:29
date last changed
2013-03-08 14:33:38
@misc{3158884,
  abstract     = {Questo lavoro intraprende un'analisi della traduzione svedese del romanzo ‘La forma dell'acqua’ di Andrea Camilleri per individuare come si possa tradurre, in svedese, l’italiano letterario influenzato dal siciliano. Lo scopo della tesi è quello di identificare gli elementi dialettali e studiare quali scelte la traduttrice abbia operato per conservare e trasmettere al lettore i significati, le sfumature e le connotazioni dell'opera originale.
Il lavoro di analisi fa riferimento al modello critico linguistico-pragmatico di Rune Ingo. Si focalizza sui tre aspetti più essenziali per il lavoro: la variazione linguistica, la semantica e la pragmatica.
Sono studiati il romanzo ‘La forma dell'acqua’ di Andrea Camilleri e la traduzione della stessa opera, ‘Vattnets form’, tradotta da Barbro Andersson. 
Risulta che i dialettalismi nella maggioranza dei casi sono tradotti senza distinzione tra dialetto e italiano standard, e di conseguenza il lettore svedese non può cogliere certe connotazioni del testo originale. La perdita si manifesta soprattutto nel testo narrativo. Nei dialoghi un linguaggio parlato è usato per compensare per la mancanza di equivalenti formali.},
  author       = {Axelsson, Emelie},
  keyword      = {Dialetto siciliano,equivalenza,variazione linguistica,semantica,pragmatica},
  language     = {ita},
  note         = {Student Paper},
  title        = {Come tradurre dialettalismi? Analisi della traduzione svedese del romanzo La forma dell'acqua di Andrea Camilleri},
  year         = {2012},
}