Advanced

La formazione universitaria da proprietaria a personalizzata: come le OER potrebbero portare le Università fuori dalla loro comfort zone

Ossiannilsson, Ebba LU and Creelman, Alastair (2012) In Journal of E-Learning and Knowledge Society 8(1).
Abstract (Swedish)
Abstract in Italian

I trends contemporanei nell’adozione corrente di tecnologie educative, insieme alla crescente accettazione e adozione di “apertura” nel senso di accesso aperto e condivisione di risorse, costringono la formazione universitaria a ripensare in modo radicale le proprie strutture e strategie educative. Questo articolo analizza il cambiamento che si sta verificando: dalla focalizzazione sulla semplice produzione e condivisione delle Open Educational Resources (OER) alla considerazione di concezioni più ampie come le Open Educational Practices (OEP) e le Open Educational Cultures (OEC). Le OER coinvolgono essenzialmente i formatori, mentre le OEP e le OEC esigono l’impegno del management, degli amministratori... (More)
Abstract in Italian

I trends contemporanei nell’adozione corrente di tecnologie educative, insieme alla crescente accettazione e adozione di “apertura” nel senso di accesso aperto e condivisione di risorse, costringono la formazione universitaria a ripensare in modo radicale le proprie strutture e strategie educative. Questo articolo analizza il cambiamento che si sta verificando: dalla focalizzazione sulla semplice produzione e condivisione delle Open Educational Resources (OER) alla considerazione di concezioni più ampie come le Open Educational Practices (OEP) e le Open Educational Cultures (OEC). Le OER coinvolgono essenzialmente i formatori, mentre le OEP e le OEC esigono l’impegno del management, degli amministratori e dei politici. Questa “apertura” sta già producendo forme alternative di apprendimento collaborativo “peer-based”, sia all’interno che all’esterno dei sistemi educativi formali. In particolare, la consapevolezza crescente dell’importanza dell’apprendimento informale sollecita chiaramente la necessità di un modello di certificazione, come pure viene analizzata e discussa l’iniziativa “open badges” condotta da Mozilla e parecchie istituzioni americane. Nel 2011 la partnership delle Università OER ha annunciato un approccio innovativo per mettere insieme l’apprendimento formale e informale attraverso la pianificazione dell’offerta di credenziali credibili per gli studenti che avessero acquisito le competenze necessarie attraverso i propri percorsi formativi. La strada verso la futura educazione superiore potrebbe aprirsi non interamente all’interno delle mura universitarie. (Less)
Please use this url to cite or link to this publication:
author
organization
publishing date
type
Contribution to journal
publication status
published
subject
categories
Higher Education
in
Journal of E-Learning and Knowledge Society
volume
8
issue
1
publisher
Je-LKS - Italian e-Learning Association (SIe-L)
ISSN
1971-8829
language
Italian
LU publication?
yes
id
69e4fde4-ff9c-43b9-ac01-b609f68aabc6 (old id 2339749)
alternative location
http://je-lks.maieutiche.economia.unitn.it/index.php/Je-LKS/article/view/594
date added to LUP
2012-02-08 12:56:28
date last changed
2016-04-15 17:21:47
@article{69e4fde4-ff9c-43b9-ac01-b609f68aabc6,
  abstract     = {<b>Abstract in Italian</b><br/><br>
I trends contemporanei nell’adozione corrente di tecnologie educative, insieme alla crescente accettazione e adozione di “apertura” nel senso di accesso aperto e condivisione di risorse, costringono la formazione universitaria a ripensare in modo radicale le proprie strutture e strategie educative. Questo articolo analizza il cambiamento che si sta verificando: dalla focalizzazione sulla semplice produzione e condivisione delle Open Educational Resources (OER) alla considerazione di concezioni più ampie come le Open Educational Practices (OEP) e le Open Educational Cultures (OEC). Le OER coinvolgono essenzialmente i formatori, mentre le OEP e le OEC esigono l’impegno del management, degli amministratori e dei politici. Questa “apertura” sta già producendo forme alternative di apprendimento collaborativo “peer-based”, sia all’interno che all’esterno dei sistemi educativi formali. In particolare, la consapevolezza crescente dell’importanza dell’apprendimento informale sollecita chiaramente la necessità di un modello di certificazione, come pure viene analizzata e discussa l’iniziativa “open badges” condotta da Mozilla e parecchie istituzioni americane. Nel 2011 la partnership delle Università OER ha annunciato un approccio innovativo per mettere insieme l’apprendimento formale e informale attraverso la pianificazione dell’offerta di credenziali credibili per gli studenti che avessero acquisito le competenze necessarie attraverso i propri percorsi formativi. La strada verso la futura educazione superiore potrebbe aprirsi non interamente all’interno delle mura universitarie.},
  author       = {Ossiannilsson, Ebba and Creelman, Alastair},
  issn         = {1971-8829},
  language     = {ita},
  number       = {1},
  publisher    = {Je-LKS - Italian e-Learning Association (SIe-L)},
  series       = {Journal of E-Learning and Knowledge Society},
  title        = {La formazione universitaria da proprietaria a personalizzata: come le OER potrebbero portare le Università fuori dalla loro comfort zone},
  volume       = {8},
  year         = {2012},
}